Ultimi aggiornamenti

Alcune lezioni dalla nascita della Rivoluzione cubana

di Arnold August  – Oggi, i progressisti di tutto il mondo potrebbero imparare molte lezioni dal 26 luglio, 1953, l’attacco al Moncada guidato da Fidel Castro.

Nel 1953, quando quasi tutte le forze progressiste e rivoluzionarie a Cuba non offrivano soluzione praticabile per opporsi alla dittatura di Batista sostenuta dagli Stati Uniti, Fidel Castro ed i suoi compagni hanno effettivamente elaborarono un percorso. Da questa percorso caratterizzato da dichiarazioni innovative inesorabilmente accoppiate con fatti eccezionalmente coraggiosi, è  emerso il Movimento 26 luglio. Questo movimento, sostenuto dagli alleati che più tardi si sono uniti alla causa, ha portato al trionfo della Rivoluzione il 1 ° gennaio 1959. Il resto, come si suol dire, è storia. Tuttavia, la storia continua ad essere scritta, soprattutto quando Cuba affronta notevoli sfide oggi.

Oggi, i progressisti di tutto il mondo potrebbero trarre molti insegnamenti dal 1953. Vale la pena di descrivere una lezione in particolare. Come ha fatto il seme che è stato piantato il 26 luglio 1953 a crescere e diventare rapidamente il Movimento 26 luglio da cui si sviluppò un piano che alla fine avrebbe scosso le fondamenta della dittatura? Come ha fatto a venir fuori nel 1953 dal baule in cui era davvero rinchiusa? Non c’era nulla all’orizzonte per la stragrande maggioranza dei cubani fino al 26 luglio.

E’ difficile analizzare questa situazione senza incarnarla nella persona di Fidel. Inutile provare a farlo, soprattutto se si considera che il 26 luglio di quest’anno coincide con il 90 ° compleanno di Fidel nel mese di agosto, che sarà celebrato non solo dalla stragrande maggioranza dei cubani, ma anche dalle persone che amano la giustizia in tutto il pianeta.

Nel 1953, Fidel già conosceva in profondità la vita e l’opera di José Martí e degli altri combattenti che parteciparono alle guerre contro il colonialismo spagnolo nel XIX secolo a favore dell’indipendenza e dei principi di giustizia sociale e di uguaglianza. Allo stesso tempo si stava abbeverando  dalla fonte teorica di Marx, Engels e Lenin. Ma, per Fidel, il pensiero politico e l’azione avevano sempre costituito un fenomeno intrecciato. Lui era stato molto attivo politicamente per quasi un decennio prima del 26 luglio 1953.

M26Pertanto, sulla base della loro elaborazione e dell’esperienza accumulata dalla metà degli anni quaranta, Fidel e i suoi compagni elaborarono il loro piano di attacco del 26 luglio alla caserma Moncada e alla Carlos Manuel Céspedes costruendolo a partire da diverse teorie politiche internazionali e nazionali e da pratiche di intervento variabili.  Fidel, in particolare in quanto leader indiscusso di questo movimento, è stato in grado di combinare una varietà di differenti tendenze di pensiero politico e di pratiche  in una medesima visione. Riuscì dove tanti altri avevano fallito perché ha saputo amalgamare i principi del pensiero in una guida per l’azione. Nemmeno per un istante abbandonò la teoria rivoluzionaria nazionale e internazionale per ragioni politiche del momento, allo stesso modo non ha permesso che la teoria diventasse ostacolo all’azione rivoluzionaria.

Fidel è, nelle parole di Gabriel Garcia Marquez, “l’anti-dogmatico per eccellenza”. Il dogmatismo nelle file rivoluzionarie si manifesta spesso con l’interpretazione rigida e sterile di QUELLA che viene percepito come “teoria”, ma viene resa improduttiva proprio da questo genere di approccio. Questo dogmatismo ostacola la capacità di attingere dalla esperienza pratica accumulata – positiva o negativa che sia – al fine di analizzare le condizioni concrete con la prospettiva dei futuri requisiti necessari per spostare la società in avanti.

Forse questo era il problema della maggior parte della sinistra rivoluzionaria cubana negli anni ’50 che la rese impotente fino a quando una nuova visione del pensiero e della pratica aprì loro nuovi orizzonti. Questo è il motivo per cui, quando si riflette ogni anno sul 26 luglio, le parole di Che Guevara aiutano sempre a facilitare il processo del pensiero. Scrisse il 26 luglio 1967 in Bolivia sul significato di quel giorno come “una ribellione contro le oligarchie e contro i dogmi rivoluzionari.” L’allusione del Che a gran parte della sinistra cubana del tempo era basata non solo sulla propria esperienza pratica, ma sui suoi molti anni di valutazione del movimento comunista internazionale.

Gli attacchi del 26 luglio non produssero una vittoria quel giorno, e molti sono rimaste uccise, feriti o arrestati, tra cui Fidel. Tuttavia, gli attacchi condussero all’auto-difesa di Fidel in tribunale dopo che fu catturato e costretto a affrontare un processo. Aveva scritto i suoi appunti in carcere, ma fu costretto a pronunciare la sua difesa di due ore a memoria perché le autorità carcerarie confiscarono i suoi appunti. Questa epica argomentazione in seguito divenne nota come “La storia mi assolverà” e fu un capolavoro di anti-dogmatismo per eccellenza da parte di una persona che sapeva coniugare la teoria con l’evoluzione pratica della società cubanadel tempo. Nel 1954, decine di migliaia di copie furono distribuite in tutta Cuba. La difesa si trasformò, con la collaborazione del popolo, in una offensiva che condusse alla vittoria del 1959. Essa ha superato la prova del tempo, dal momento che costituisce la gestazione dell’odierno progetto socialista e anti-imperialista cubano. Il 26 luglio e la sua ripercussione, “La storia mi assolverà”, scatenarono la Rivoluzione cubana.

fidel moncada

Oggi, Cuba sta attraversando uno dei suoi periodi più difficili dal 1959. La sua situazione economica è fragile e in fase di sperimentazione, ancora una volta, come il presidente Raul Castro ha attestato l’8 luglio 2016. Inoltre, molti cubani rivoluzionari sono diffidenti circa le reali intenzioni del la politica degli Stati Uniti su Cuba e sulle sue conseguenze negative sul consenso socialista cubano. Infatti, Fidel stesso ha scritto alcune riflessioni sulle controverse nuove relazioni tra i due vicini.

Di conseguenza, nel 2016, l’approccio dialettico che unisce il pensiero fedele ai principi con gli aspetti pratici della lotta come esemplificato da Fidel Castro fin dal 1953 è valido oggi come un modello. Come si applicano oggi gli sforzi costanti per decentralizzare lo Stato e dare più spazio alle piccole imprese? Fino a che punto l’apertura di Cuba agli Stati Uniti nei suoi settori economici e culturali incide sul socialismo cubano, la sua cultura politica e la sua sovranità? Anche se queste non sono questioni facili da affrontare, la Rivoluzione cubana sta cercando di farlo. Infatti, ancora una volta, come nel 1953 e dal 1959, i rivoluzionari cubani oggi si avventurano in acque piuttosto tempestose in cui potranno navigare solo grazie alla loro tradizione di combinare principi e tattica.

articolo originale:

Moncada Attack: Lessons From the Birth of the Cuban Revolution

Attaque al Moncada: algunas lecciones del nacimiento de la Revoluciòn Cubana

traduzione di Maurizio Acerbo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: