Mutui, Prc: «Vergognoso il provvedimento di un governo amico delle banche»

di Roberta Fantozzi e Paolo Ferrero – Il provvedimento del governo Renzi per cui sette rate di mutuo non pagate, anche non consecutivamente, danno la possibilità alle banche di espropriare direttamente l’immobile ipotecato, è gravissimo. Per di più il governo vuole consentire la possibilità di inserire la clausola anche successivamente alla stipula del mutuo, in una situazione in cui è ancora maggiore l’asimmetria di potere tra banca e cittadini, il potere di ricatto di cui gode la prima.

Si cancella l’articolo 2744 del Codice Civile che prevede espressamente la nullità di patti di questa natura, si manomette la normativa vigente che impone di passare attraverso il pronunciamento del Tribunale.

Le vendite forzose degli immobili sono poi favorite dal regime fiscale di vantaggio, incentivando in realtà le svendite, poiché tanto al pagamento della differenza dovranno  provvedere quelle famiglie che già hanno perso la casa.

Invece di tutelare i cittadini con provvedimenti di regolamentazione del sistema bancario, invece di separare le banche di credito da quelle di investimento, provvedimento la cui urgenza è dimostrata dalle ultime vicende, il governo aumenta ancor di più il potere di ricatto del sistema bancario sulla società e sulle persone più deboli.

E’ una nuova inaccettabile aberrazione prodotta da questo governo.

Che schifo! Giù le mani dalle case! Mandiamo via Renzi!

Leave a Reply

Releated

Pensioni, Ferrero: «Mettere tetto, alzare quelle basse e abolire legge Fornero»

di Paolo Ferrero – Oltre il 63% delle pensioni sono al di sotto dei 750 euro mensili: un dato che si commenta da solo. Di fronte a questi numeri, servirebbe mettere subito, come proponiamo da tempo, un tetto alle pensioni fino a 5mila euro, abolire i cumuli pensionistici, per alzare quelle più basse. E bisognerebbe cancellare […]

Rifondazione a De Magistris: “Non snaturiamo la coalizione”

“Giusto l’approccio di de Magistris che prova a parlare a tutti i cittadini, e in particolare  quelli che sono nauseati dal Pd, e agli elettori dei Cinque Stelle, che si ritrovano ad avere proposte politiche molto deboli e discutibili. Ma questo non deve significare costruire megacoalizioni che di fatto snaturino il principale perimetro programmatico di […]