«Il governo finanzi subito corridoi umanitari»

di Paolo Ferrero – Oggi sono arrivate in Italia dalla Siria decine di persone attraverso un corridoio umanitario realizzato anche grazie alla cooperazione delle comunità valdesi. Questo progetto pilota dimostra che i corridoi umanitari per le persone che fuggono dalla guerra sono possibili e che le chiese e le associazioni riescono là dove falliscono i governi. Vergognoso che nelle stesse ore lo “spettacolo” di Calais e al confine macedone ci consegna un’Europa canaglia che non fa altro che stendere filo spinato e prendersela con i profughi, completando l’azione dell’ISIS. I soldi per fare corridoi umanitari per i profughi ci sono: basterebbe ritirare i militari dall’Afghanistan e smetterla di progettare guerre su tutto il bacino del Mediterraneo. Cosa aspetta il governo Renzi a dar vita ad i corridoi umanitari? Domani, 1 marzo ,in tutta Italia ci saranno mobilitazioni perla giornata internazionale per i diritti dei migranti: Rifondazione aderisce e invita a partecipare, contro questa barbarie non possiamo tacere.

Leave a Reply

Releated

Caso Regeni, su Giulio segni di tortura nazifascista

«E’ dal nazifascismo che noi in Italia non ci troviamo a una situazione di tortura come quella che è successa a Giulio. Ma lui non era in guerra. E io che stimo moltissimo i partigiani, dico che loro lo sapevano a cosa andavano incontro. Invece mio figlio era andato in Egitto per fare ricerca, è […]

Lasciamo in pace Tobia Antonio

di Angela Azzaro – Caro Tobia, anche se non ti conosco personalmente e sei appena nato, ho sentito la necessità di scriverti. Sono felice che tu sia venuto al mondo. Ma te lo confesso: sono molto preoccupata per come sei stato accolto qui in Italia. Nei tuoi confronti e contro i tuoi due padri si è scatenato […]