Salva banche, di nuovo in piazza il 16 marzo

Sono trascorsi 4 mesi dalla famosa operazione del Governo che ha salvato le banche Carichieti, Cassa di Ferrara, Banca Marche e Banca Etruria. “Un tempo più che sufficiente per prendere adeguati provvedimenti tesi a restituire ai risparmiatori quanto dovuto. Invece tutto ancora tace. Se ne parla molto, ma manca ancora un provvedimento concreto” denunciano Adusbef e Federconsumatori che annunciano un presidio a Roma, in via XX Settembre (sede del Ministero dell’Economia), il 16 marzo alle 11:30.

“Noi rimaniamo fermi nel sostenere la necessità di un rimborso totale per i risparmiatori truffati, spesso indotti ad effettuare investimenti ed operazioni finanziarie ad alto rischio dietro inganni o ricatti (ad esempio per ottenere mutui o prestiti personali) – spiegano le due Associazioni – Persino la soluzione individuata nell’arbitrato, a nostro avviso del tutto insufficiente e carente, è in attesa dei decreti attuativi, nei quali ci auguriamo si preveda un concreto rimborso, per i risparmiatori, definito attraverso un confronto con chi rappresenta le parti in causa.

Questa situazione di stallo è intollerabile, per questo abbiamo deciso di richiamare alle proprie responsabilità il Ministero e l’intero Governo. Ci riuniremo sotto le finestre del Ministro per ricordargli che il Governo non può voltare le spalle a migliaia di risparmiatori traditi dal sistema bancario e dal relativo sistema di vigilanza. È indispensabile trovare una soluzione soddisfacente ed esaustiva in tempi rapidi”.

RED.

Leave a Reply

Releated

In pensione a 70 anni? Disoccupati a 40 anni!

La controriforma Fornero delle pensioni ha rappresentato uno dei più violenti attacchi alle condizioni di vita delle persone che lavorano, delle donne, dei giovani, degli ultimi decenni. Aumentare fino a oltre 6 anni l’età pensionabile significa per molte e molti non riuscire a sopportare la fatica quotidiana di un lavoro che si prolunga fino a […]

Arrivano i referendum contro il jobs act

E così anche la Cgil ha i suoi referendum, riguardano i diritti sul lavoro e verranno affiancati alla «Carta universale» che è già stata presentata negli ultimi due mesi in 42 mila assemblee in tutta Italia. Avranno come oggetto i voucher («Puntiamo a eliminarli, così come sono destrutturano il lavoro», ha spiegato ieri la segretaria generale Susanna […]